Area Abbonati
LoginPassword
 





Per visualizzare il testo completo effettuare l'accesso


Astronauti, meteore e l'universo noto delle terapie antitrombotiche utilizzate nell'angioplastica primaria

Leonardo De Luca, Antonino Granatelli

RIASSUNTO: A volte, una sensazione di consapevolezza sulla relatività delle nostre convinzioni, paragonabile a quello che gli astronauti, osservando la Terra dallo spazio chiamano “effetto overview”, ci pervade quando osserviamo l’enorme mole di dati accumulati negli anni sulle terapie antitrombotiche studiate nell’ambito dei pazienti con diagnosi di infarto miocardico con sopraslivellamento del tratto ST (STEMI) sottoposti ad angioplastica primaria (pPCI). In questa rassegna ricorderemo farmaci passati come meteore nell’Universo del trattamento dello STEMI ed analizzeremo le evidenze sulle terapie antitrombotiche nei pazienti sottoposti a pPCI, dividendole in due galassie parallele: i farmaci iniettivi e quelli somministrati per via orale.