Area Abbonati
LoginPassword
 





Per visualizzare il testo completo effettuare l'accesso


Terapia suppletiva con testosterone e rischio cardiovascolare

Giovanni Corona, Mauro Dicuio, Giulia Rastrelli, Alessandra Sforza, Mario Maggi

RIASSUNTO: Ipogonadismo ad insorgenza tardiva (LOH) è il termine più comunemente usato per indicare la riduzione testosterone età-dipendente che si osserva nel sesso maschile. I disturbi della sessualità rappresentano il determinante più importante per la consultazione medica e i sintomi più specifici associati a LOH. In particolare, i dati dello European Male Ageing Study (EMAS), uno studio di popolazione effettuato su più di 3400 soggetti, hanno dimostrato come la presenza di una triade di sintomi sessuali (bassa libido, ridotte erezioni notturne e disfunzione erettile) rappresenti l’unica associazione sindromica con LOH. In linea con tali dati, una metanalisi dei trial randomizzati controllati disponibili ha documentato come la terapia con testosterone (TTh) sia in grado di migliorare tutti gli aspetti della funzione sessuale rispetto al placebo. Nonostante queste evidenze, il significato clinico e i potenziali effetti benefici della TTh nel LOH sono ancora oggetto di forti critiche nella comunità scientifica. Il dibattito è stato ulteriormente complicato dalla recente presa di posizione della Food and Drug Administration (FDA) che ha sottolineato un possibile aumento del rischio cardiovascolare in corso di TTh. Tuttavia, questo orientamento non è stato condiviso dalla European Medical Association (EMA) che, dopo una analoga revisione dei dati disponibili, si è espressa in modo opposto all’FDA. In questo articolo verranno discussi tutti i dati disponibili che supportano le diverse posizioni dell’FDA e dell’EMA. In particolare, saranno analizzati in dettaglio sia i dati derivati da studi di popolazione sia quelli desunti da studi di intervento. Sebbene alcune evidenze suggeriscano un aumento del rischio cardiovascolare correlato con la TTh, i dati derivanti da studi controllati non supportano questa posizione, specialmente quando si considerano gli eventi cardiovascolari maggiori. Gli uomini sintomatici con documentati bassi livelli di testosterone possono essere trattati in modo sicuro con TTh.