Area Abbonati
LoginPassword
 





Per visualizzare il testo completo effettuare l'accesso


Duplice approccio anterogrado e retrogrado tramite graft venoso per disostruzione di occlusione cronica totale in paziente con sindrome coronarica acuta complicata da edema polmonare

Francesco Gallo, Matteo Tebaldi, Carlo Tumscitz

RIASSUNTO: Il trattamento percutaneo delle occlusioni croniche totali (CTO) è una delle maggiori sfide nella cardiologia interventistica contemporanea. Queste lesioni rappresentano il 15-30% di tutti i pazienti sottoposti ad angiografia coronarica. La procedura coronarica percutanea (PCI) di una CTO è tecnicamente impegnativa e richiede familiarità con tecniche interventistiche avanzate e con materiali speciali. La scelta della strategia e dei materiali si basa sulle caratteristiche cliniche e sull’anatomia coronarica; la scelta corretta è essenziale per aumentare la probabilità di successo della procedura. La PCI di una CTO è eseguita solitamente nella malattia coronarica stabile. Riportiamo il caso di un uomo di 83 anni, ricoverato per sindrome coronarica acuta complicata da edema polmonare ipotensivo e sottoposto a PCI di CTO di discendente anteriore attraverso un graft di vena safena.