Area Abbonati
LoginPassword
 
G Ital Cardiol 2016;17(12):1008-1011





Per visualizzare il testo completo effettuare l'accesso


Una diagnosi tardiva di mixoma atriale sinistro. Come guadagnare tempo?

Ferdinando Maria Massari, Tatiana Tonella, Giuseppe Pomè, Alessandra Di Mauro, Claudio Clemente, Federico Lombardi

RIASSUNTO: Un uomo di 56 anni veniva valutato ambulatoriamente per dispnea presente da 6 mesi e un episodio di sudorazione algida occorso 2 mesi prima salendo una rampa di scale. Nel sospetto di coronaropatia, venivano prescritti ematochimica, ecocardiogramma e test ergometrico. L’ecografia, effettuata dopo 78 giorni dalla prima visita e solo occasionalmente programmata 2 giorni prima del test ergometrico, permise di porre diagnosi di mixoma atriale sinistro per il quale il paziente venne sottoposto con successo ad intervento cardiochirurgico. Gli autori discutono la tipologia dei sintomi che da soli non indirizzano la diagnosi e la latenza tra la prima visita e l’ecocardiografia indispensabile per tale scopo.