Area Abbonati
LoginPassword
DOI 10.1714/664.7727 Scarica il PDF (65,5 kb)
G Ital Cardiol 2010;11(12 Suppl. 3):22S-26S



La riduzione del rischio di nuovi eventi dopo sindrome coronarica acuta: qual è il ruolo delle statine?

Stefano Urbinati, Graziana Labanti, Simona Gambetti

A circa 10 anni dalla prima pubblicazione degli studi sulle statine nella sindrome coronarica acuta (SCA) possiamo così sintetizzarne lo stato dell’arte: 1) la somministrazione di statine nei primi giorni dopo una SCA riduce gli eventi coronarici nel follow-up a medio-lungo termine; 2) una strategia “intensiva”, basata sull’utilizzo di statine potenti ad alto dosaggio, che ha permesso di raggiungere valori di LDL <70 mg/dl si è dimostrata più efficace sulla prognosi, con risultati che diventano visibili dopo 4-6 mesi, a prezzo di una percentuale non irrilevante di effetti collaterali e di sospensione dei farmaci; 3) accanto al paradigma the lower the better, deve essere tenuto in gran conto il tema della “sostenibilità” della terapia a medio-lungo termine, con l’adozione di strategie che vadano in questa direzione; 4) infine, sarebbe auspicabile uno studio sulle statine nella SCA che sia target-oriented per valutare quali siano i valori di LDL da raggiungere/mantenere per avere il massimo beneficio prognostico.

Il Pensiero Scientifico Editore
Riproduzione e diritti riservati  |   ISSN online: 1972-6481