Area Abbonati
LoginPassword
 Scarica il PDF (373,3 kb)
G Ital Cardiol 2003;4(5):375-382



Un nuovo approccio ecocardiografico per la quantizzazione della funzione miocardica nelle cardiopatie congenite: lo "strain" e lo "strain rate imaging"

Giovanni Di Salvo, Giuseppe Pacileo, Pio Caso, Maria Giovanna Russo, Maurizio Cotrufo, Raffaele Calabrò, George R. Sutherland

Recentemente è stato proposto un nuovo approccio per quantizzare la funzione miocardica regionale: lo “strain rate” e lo “strain rate imaging”.
Questi nuovi indici di deformazione miocardica possono essere utilizzati per quantizzare la funzione miocardica regionale longitudinale e radiale del ventricolo sinistro e del ventricolo destro. I valori normali dello strain e dello strain rate imaging sono già stati determinati sia negli adulti che nei bambini.
L’uso di questi nuovi indici di deformazione miocardica può essere di grande importanza nel management di pazienti con cardiopatie congenite. Infatti, la valutazione della funzione ventricolare in questi pazienti è estremamente difficile con ecocardiografia mono e bidimensionale a causa della complessa morfologia del ventricolo destro e dell’alterata geometria del ventricolo sinistro.
Questa rassegna vuole dare un’introduzione ai principi fisici di questo nuovo approccio, alla modalità di acquisizione dei dati e alle possibili applicazioni cliniche in cardiologia pediatrica.

Il Pensiero Scientifico Editore
Riproduzione e diritti riservati  |   ISSN online: 1972-6481