Area Abbonati
LoginPassword
 Scarica il PDF (441,4 kb)
G Ital Cardiol 2001;2(3):258-267



Refertazione dell'esame ecocardiografico con il software G8-Cardio ANMCO

Luigi P. Badano, Andrea Marchesini, Alfredo Pizzuti, Antonio Mantero, Domenico Cianflone, Enrico Neri, Paola Caira, Marco Tubaro, a nome del Progetto G8-Cardio ANMCO

Razionale. La disponibilità di programmi comuni, a livello nazionale e/o internazionale, per l’archiviazione e la refertazione dell’ecocardiogramma renderebbe possibile sia standardizzare i referti della metodica tra i vari laboratori, che sfruttare i molti dati ottenibili dall’esame ecocardiografico e la diffusione territoriale dello stesso per costruire banche dati utilizzabili a scopo scientifico, amministrativo e di programmazione sanitaria.
Materiali e metodi. Per sviluppare un tale software, è stata costituita una Commissione congiunta ANMCOSIEC che in cooperazione con la filiale italiana dell’Agilent Technologies ha provveduto a standardizzare la terminologia e le variabili quantitative da utilizzare per la refertazione dell’ecocardiogramma transtoracico o transesofageo, a riposo o durante stress, ed a sviluppare il relativo software. Questo software di archiviazione e refertazione dell’ecocardiogramma è uno dei verticali del programma G8-Cardio ANMCO sviluppato per la computerizzazione dell’intera cartella clinica cardiologica. Il software è stato sviluppato dall’Agilent Technologies utilizzando il database DBMS Oracle 7.3 ed il programma Power Builder 5.0.
Risultati. Il numero di variabili quali-quantitative utilizzabili per il referto dell’ecocardiogramma a riposo è 733. Per l’eco-stress, esso dipende dallo stressor utilizzato e dalla lunghezza del test (da 214 a 384 per il dipiridamolo, da 236 a 406 per la dobutamina, da 198 a 392 per l’esercizio fisico). Il programma è stato testato e revisionato nel nostro laboratorio di ecocardiografia tra il novembre 1999 ed il maggio 2000. Durante questo periodo, abbiamo utilizzato il software per refertare 291 ecocardiogrammi a riposo e 56 esami eco-stress. In media, ciascun esame a riposo ha richiesto, per la refertazione, 50 ± 11 (da 33 a 67) variabili, 41 566 byte di memoria, e 10 ± 4 (da 5 a 17) min. Gli esami eco-stress furono archiviati utilizzando 143 ± 74 (da 38 a 194) variabili, 38 531 byte di memoria, e 7 ± 5 (da 5 a 21) min.
Conclusioni. Il verticale per l’ecocardiografia contenuto nel programma G8-Cardio ANMCO rappresenta, a nostra conoscenza, il primo software di refertazione ed archiviazione dell’esame ecocardiografico a livello nazionale.

Il Pensiero Scientifico Editore
Riproduzione e diritti riservati  |   ISSN online: 1972-6481