Area Abbonati
LoginPassword
DOI 10.1714/683.7936 Scarica il PDF (1.028,0 kb)
G Ital Cardiol 2007;8(8):508-518



Approccio diagnostico non invasivo con tomografia computerizzata multidetettore a 40 strati per lo studio della malattia aterosclerotica coronarica

Giuseppe Runza, Marco Rizzo, Salvatore Evola, Valerio Alaimo, Giuseppina Novo, Egle Corrado, Giovanna Evola, Giuseppina Palazzolo, Oreste Fabio Triolo, Francesca Gennaro, Enrico Hoffmann, Massimo Midiri, Salvatore Novo

Razionale. La tomografia computerizzata multidetettore (MDCT-CA) è una tecnica diagnostica non invasiva che mostra chiaramente l’anatomia delle coronarie e identifica correttamente la posizione e la morfologia delle placche ateromasiche. In questo studio abbiamo valutato l’accuratezza diagnostica della MDCT-CA nell’identificare stenosi coronariche in pazienti con patologia clinicamente significativa dell’albero coronarico.
Materiali e metodi. Cinquanta pazienti (38 uomini, 12 donne, età media 60.9 ± 9.2 anni) con dolore toracico atipico, angina stabile o instabile, programmati per eseguire CVG diagnostica, sono stati sottoposti a MDCT-CA (Brilliance 40, Philips Medical Systems, Cleveland, OH, USA) entro 3 giorni prima dall’angiografia coronarica tradizionale. Criteri di inclusione: ritmo sinusale, frequenza cardiaca <70 b/min, capacità di trattenere il respiro per almeno 12 s. Criteri di esclusione: allergia nota ai mezzi di contrasto iodati, livelli di creatinina sierica >2 mg/dl, possibile gravidanza, insufficienza respiratoria, stato clinico instabile e severo scompenso cardiaco. Betabloccante è stato somministrato se la frequenza cardiaca era >70 b/min. Per sincronizzare l’arrivo del mezzo di contrasto (Iomeron 400, Bracco, Milano) nelle coronarie abbiamo utilizzato la tecnica del “bolus tracking”. L’accuratezza diagnostica è stata valutata per segmento coronarico, per vaso e per paziente.
Risultati. La frequenza cardiaca media durante l’esame è stata di 61.9 ± 6.2 b/min. Abbiamo valutato 618 segmenti. La valutazione è stata inficiata da artefatti respiratori in un solo paziente (2%). La MDCT-CA ha mostrato buone specificità, sensibilità, valore predittivo positivo e negativo nell’identificazione di stenosi coronariche significative (rispettivamente 94, 94, 91 e 96% per segmento; 91, 97, 95 e 92% per vaso; 100, 100, 100 e 100% per paziente).
Conclusioni. La tomografia computerizzata 40 strati ha dimostrato una buona capacità diagnostica nell’evidenziare stenosi coronariche in pazienti afferiti al nostro Istituto per patologia coronarica sospetta o già nota.

Il Pensiero Scientifico Editore
Riproduzione e diritti riservati  |   ISSN online: 1972-6481