Area Abbonati
LoginPassword
DOI 10.1714/704.8068 Scarica il PDF (79,7 kb)
G Ital Cardiol 2006;7(12):809-814



La Chlamydia pneumoniae è correlabile con la rottura della placca aterosclerotica?

Giovanni Fazio, Loredana Sutera, Rosanna Zito, Caterina Cascio, Daniele Briguglia, Susanna Taormina, Anna Giammanco, Pasquale Assennato, Salvatore Novo

Razionale. La storia naturale della placca aterosclerotica a tutt’oggi non è stata del tutto compresa. Una delle ipotesi più accreditate in letteratura è che la flogosi svolga un ruolo determinante nel processo di instabilizzazione di una placca aterosclerotica. Quale sia il determinante fondamentale che innesca il processo flogistico non è stato ancora oggi stabilito. Lo scopo del nostro lavoro è stato quello di correlare l’infezione acuta da Chlamydia pneumoniae con l’instabilizzazione della placca aterosclerotica.
Materiali e metodi. A tal fine abbiamo confrontato le concentrazioni di IgM anti-Chlamydia pneumoniae in due gruppi omogenei di soggetti, l’uno affetto da infarto miocardico acuto (IMA) e l’altro affetto da angina stabile.
Risultati. I nostri risultati hanno mostrato un più alto indice di positività nei pazienti infartuati, con una differenza statisticamente incisiva. Successivamente il gruppo affetto da IMA è stato suddiviso in due sottogruppi, con e senza rottura di placca. Nel sottogruppo con rottura di placca la concentrazione media degli anticorpi anti-Chlamydia era notevolmente più elevata sia rispetto ai pazienti con angina stabile sia rispetto a quelli senza rottura di placca. Il sottogruppo con rottura di placca è stato ulteriormente suddiviso in altri due sottogruppi in base alla formula leucocitaria: il sottogruppo con formula leucocitaria normale aveva una concentrazione di IgM anti-Chlamydia molto superiore a tutti gli altri sottogruppi.
Conclusioni. Dai dati emersi, la Chlamydia pneumoniae potrebbe giocare un ruolo importante nel processo di instabilizzazione della placca aterosclerotica.

Il Pensiero Scientifico Editore
Riproduzione e diritti riservati  |   ISSN online: 1972-6481