Area Abbonati
LoginPassword
 Scarica il PDF (121,5 kb)
G Ital Cardiol 2004;5(12 Suppl. 10):9S-16S



Epidemiologia clinica e fattori di rischio per scompenso cardiaco nell'anziano

Franco Rengo, Dario Leosco, Attilio Iacovoni, Giuseppe Rengo, Luca Golino, Francesco Borgia, Gabriella De Lisa, Flora Beneduce, Michele Senni

Lo scompenso cardiaco nell’anziano può essere considerato tra le grandi “sindromi geriatriche” per la complessità dei quadri clinici che lo caratterizzano e per la frequente concomitanza di condizioni morbose associate ed alterazioni di differente gravità dello stato funzionale. È necessario sottolineare inoltre che, in uno scenario così articolato, la gravità del quadro clinico, che in età non geriatrica è legata esclusivamente al grado di compromissione anatomo-funzionale cardiaca ed ai relativi squilibri del compenso emodinamico, nell’anziano viene amplificata da un alterato standard biologico ed anatomo-funzionale età-correlato su cui si innesta la cardiopatia e da meccanismi a cascata che comportano l’inevitabile coinvolgimento e deterioramento di altri organi e apparati.
Nonostante le recenti acquisizioni in tema di approccio clinico, diagnostico e terapeutico allo scompenso cardiaco, l’incidenza e la prevalenza di tale sindrome registrano un costante incremento. I dati epidemiologici indicano come lo scompenso cardiaco e le riacutizzazioni ad esso correlate rappresentino un problema rilevante del paziente in età geriatrica con marcate ripercussioni a livello socio-economico-sanitario. La mancanza di studi osservazionali di tipo prospettico spiega perché, attualmente, non disponiamo di informazioni adeguate sulle cause, cardiache ed extracardiache, responsabili di riacutizzazione dello scompenso cardiaco nell’anziano e che, secondo alcuni autori, risultano non identificabili in oltre il 40% dei casi. Di qui la necessità di studi osservazionali longitudinali, il cui obiettivo generale dovrà essere l’identificazione prospettica del rischio di riospedalizzazione, e dei fattori ad essa associati, di pazienti anziani affetti da scompenso cardiaco.

Il Pensiero Scientifico Editore
Riproduzione e diritti riservati  |   ISSN online: 1972-6481